Hosting Sostenibile: lo spazio ecologico del web

Voltiamo pagina. Insieme

di Marco Lombardo

Relazione introduttiva a ‘Voltiamo pagina. Insieme’

(intervento pubblico di Marco Lombardo in occasione del secondo meeting nazionale di Insieme per il PD, 19 giugno 2011, Bologna, Arena del Sole)

Non so voi, ma io era tanto tempo che sentivo l’urgenza di voltare pagina. Per troppo tempo hanno cercato di convincerci che la politica potesse ridursi a questo frastuono, a questa corsa sfrenata alla volgarità e all’arroganza. E’ arrivato il momento di chiudere definitivamente questa pagina del passato e riprendere per mano tutte quelle persone che in questi anni abbiamo lasciato lì, in dormiveglia, sui divani. Bisogna voltare pagina. Voltare pagina rispetto ad un periodo della nostra storia in cui siamo stati dominati dalla paura e dall’immobilismo, in cui siamo rimasti fermi mentre il mondo intorno a noi cambiava rapidamente. Sento dire che dopo le elezioni amministrative e dopo il referendum il mondo sta cambiando; io credo che il cambiamento ci sia già stato, siamo già nella Terza repubblica e stiamo sfogliando le ultime pagine della Seconda che, se è possibile, è stata anche peggiore dell’epilogo della Prima. Ma in realtà dobbiamo fare attenzione. E’ il momento della responsabilità e del coraggio. Non dimentichiamoci degli errori del passato; perché il vento era già cambiato.. Anche in altre occasioni, sembrava finita un’era e doveva cominciarne un’altra. E poi? Per le nostre divisione ed i nostri pregiudizi, pur avendo vinto la sfida delle elezioni, abbiamo perso la sfida più importante che era quella del governo del Paese e del cambiamento di questa società. Oggi non possiamo più permetterci di commettere gli stessi errori del passato. E’ il Paese che non può più permetterselo. E’ arrivato l’ultimo treno; ma questa volta dobbiamo farci trovare pronti. Dobbiamo metterci al traino e correre. Io non credo che ci sia bisogno di costruire un’alternativa di governo, né arrovellarci intorno ad improbabili manuali di alleanza; io credo che l’alternativa ci sia già.. bisogna solo dargli voce, scegliendo con cura e valorizzando i nostri volti migliori perchè di questa nuova stagione i veri protagonisti saranno le persone comuni, i cittadini attivi, la base, professionisti che non necessariamente sono professionisti della politica. Lavorando con la rete e la nostra community ci siamo accorti che in molti aspetti la base è più avanti anche rispetto alla classe dirigente. Il circolo virtuoso delle idee deve far sì che le persone che si impegnano in politica possano trovare ascolto nei partiti e loro idee possano trasformarsi in proposte di legge per risolvere i problemi del Paese, i problemi di tutti. Questo è anche il senso del nostro slogan, ‘senza la base scordatevi le altezze’..

Volevo rassicurare tutti: questo non è uno spettacolo; non ci interessa la comunicazione fine a stessa, ma il contenuto di ciò che vogliamo comunicare. Non è uno spettacolo perché non c’è distinzione tra attori e pubblico; questo pulpito che vedete al mio fianco sarà lo strumento attraverso cui molti di voi potranno porre domande o fare proposte ai relatori. Non è uno spettacolo, ma cercheremo di ridare valore alle parole, facendo in modo che la politica non sia rumore, volgarità, contrasto, ma sia un confronto di idee e proposte concrete che risolvano i problemi delle persone. Abbiamo scelto di trattare i temi della legalità, dell’Europa e dei diritti come fattori di rinnovamento della politica e cambiamento della società. Non è un programma di governo; mancano temi importanti come l’economia ed il lavoro, ma questo spero possa essere il programma di lavoro della prossima giornata nazionale di Insieme. Abbiamo bisogno di risposte e di concretezza: per questo mi auguro che oggi sentirete proposte importanti che raccoglieremo e metteremo a disposizione del partito tutto. Tra le tante parole, daremo spazio a quelle che esprimono ideali, perché anche in un’era post-ideologica come la nostra, i partiti si devono fondare sugli ideali, come sogni collettivi che abbiamo per trasformare la società, senza ragionare col fiato corto delle elezioni, ma con un respiro più ampio che possa abbracciare l’Europa ed il Mondo. Questa è la nostra visione d’Insieme.

‘Cominciai a sognare anch’io Insieme a loro. Poi l’anima d’improvviso prese il volo..’ (Fabrizio De Andrè)

30 maggio 2012

© Marco Lombardo 2016