Hosting Sostenibile: lo spazio ecologico del web

OLTRE LA LEGALITA’.

di Marco Lombardo

OLTRE LA LEGALITA’.

pubblicata da Marco Lombardo il giorno mercoledì 11 agosto 2010 alle ore 13.30 ·

'Dentro una stella' Copyright Paolo Sacelli

Oggi è uscito il libro ‘Oltre la legalità. Percorsi di cittadinanza attiva dalla Calabria all’Europa’.

Non si tratta di una pubblicazione scientifica, ma di un libro a carattere divulgativo, pensato per l’educazione civica nelle scuole. Si rivolge in modo diretto ai docenti delle scuole, ma è pensato per i bambini, non (solo) perché diventino la classe dirigente di domani, ma (anche) perché sappiano essere i cittadini dell’oggi. Un gesto di amore per il luogo di origine, la Calabria, ed un atto di responsabilità per il luogo di destinazione, l’Unione europea. Abbiamo provato a gettare un ‘ponte’ tra queste due sponde, delineando le tappe di un viaggio all’interno di noi stessi, alla scoperta di quei valori condivisi che rappresentano le radici comuni della nostra identità europea. Abbiamo cercato di edificare un nuovo senso di cittadinanza attiva nella convinzione che, in particolari contesti a criminalità diffusa, l’esercizio della libertà e dei diritti fondamentali possa avvenire in modo pieno e consapevole solo nel solco del sentiero tracciato dalla legalità. Come il compito dei medici non è quello di sconfiggere la malattia, ma quello di curare i malati, così la lotta contro la criminalità organizzata non può essere vinta nelle aule dei tribunali, né quantomeno può essere delegata ad alcuni apparati dello Stato. Al fianco dell’indispensabile azione di repressione e contrasto della magistratura e delle forze di polizia è necessaria l’assunzione di responsabilità da parte della società civile, affinché la cultura della legalità e dello Stato di diritto, la difesa della libertà di autodeterminazione dei singoli si infiltrino nei territori violentati dalla criminalità organizzata attraverso i suoi ‘codici etici’ fondati su logiche liberticide. Abbiamo cercato di rompere il senso di estranietà che in questi territori si vive nei confronti del processo di integrazione europea, scoprendo quanto possa essere fecondo l’incontro tra le identità locali e l’identità sovranazionale. La conoscenza dei diritti contenuti nella Carta dei diritti è stata utilizzata come uno scudo a difesa della libera autodeterminazione, aiutandoci sin da piccoli a formare una coscienza civica capace di discernere il confine tra i diritti ed i favori, tra la libertà e l’oppressione, tra la forza della legge e la legge della forza.

Affiché il bene pubblico non sia la terra di nessuno, ma sia il bene di tutti.

Buon viaggio!

30 maggio 2012

© Marco Lombardo 2016