Hosting Sostenibile: lo spazio ecologico del web

La mia agenda in Festa

di Marco Lombardo

Per 26 giorni la Festa dell’Unità di Bologna riesce a trasformare il Parco Nord in una Città nella Città: una tradizione che preserva lo spirito più puro della Politica con oltre 5000 volontari che si alternano giorno e notte tra cucine e fornelli, con un impegno festoso ed una passione civica che dovrebbe essere posta a fondamento della nostra ‘comunità politica’.
Oltre alle prelibatezze delle cucine, per chi fosse interessato a seguire i dibattiti politici, questa è la mia agenda delle iniziative in cui interverrò alla festa. Ho scelto di seguire quelli che sono da sempre gli assi cartesiani del mio impegno politico: diritti, Europa e relazioni internazionali, partecipazione.

Si parte il 31 Agosto dal Tibet. La storia di un popolo in lotta per il principio di autodeterminazione che è un inno alla speranza in un progresso pacifico e spirituale dell’umanità.

Si prosegue il 4 Settembre con l’iniziativa promossa dal Circolo online, insieme ai ragazzi di OccupyPD e ai Giovani Democratici di Bologna, nello stile libero del Barcamp, in cui tutti possono prendere la parola e dire la loro idea sul tema della partecipazione. Politica è partecipAzione? Come possiamo (ri)dare più voce ad iscritti ed elettori? Come fare per rendere il PD un partito all’altezza della sua base? Vi aspettiamo il 4 settembre al Parco Nord di Bologna; per chi fosse lontano, potete contribuire ovunque voi siate, inviando il vostro tweet a #barCamPD.

Il 6 settembre continua l’impegno per rendere il PD un partito a vocazione europea.  A -250 giorni dalle elezioni europee, mentre negli altri Stati Membri sono già avviate le campagne elettorali dei candidati al Parlamento europeo, in Italia il dibattito politico sul futuro dell’UE latita nell’indifferenza generale dei partiti e dell’opinione pubblica. Sono fermamente convinto che il processo di integrazione europea possa portare ad una vera Unione politica solo se, al fianco della europeizzazione delle politiche nazionali degli Stati membri, si creerà una ‘coscienza politica europea’ dal basso. Per questo, dopo il lancio degli ‘Erasmus Democratici’ e la creazione delle reti europee ed internazionali, c’è bisogno che il PD di Bologna continui a porsi all’avanguardia, rilanciando la prospettiva europeista attraverso una campagna elettorale transnazionale, in grado di porre i temi della cittadinanza europea e degli Stati Uniti d’Europa al centro del dibattito pubblico. Le prossime elezioni europee saranno decisive per uscire dalla politica del rigore e dell’austerità e rafforzare davvero la democrazia in Europa. Per fare questo, coinvolgeremo le delegazioni del Partito Socialista Francese e del SPD tedesco, insieme ai circoli del PD all’estero da Bruxelles a Lussemburgo, da Friburgo a Parigi per provare ad allargare il respiro ideale del fronte democratico e progressista agli orizzonti europei. Tra gli ospiti delle serata anche Pier Virgilio Dastoli e Volker Telljohann delle Fondazione Ebert. Il 6 settembre il sogno europeo riparte da Bologna.

Il 15 settembre ci occuperemo di Birmania, attraverso il racconto della vita di Aung San Suu Kyi, l’orchidea di ferro, una donna straordinaria che continua a commuovere il mondo per la forza gentile con cui lotta per la democrazia in Birmania, ad un anno dalle prossime presidenziali del 2014.

Il 19 settembre daremo vita ad uno speed-pitching per raccontare la nuova imprenditorialità digitale che avanza rapidamente nel nostro territorio. Sono le start-up: una profonda trasformazione economica e sociale nel mondo, una breccia nell’immobilismo dell’Italia che parte dalla cultura del fallimento per superare la crisi in modo non convenzionale.

Il 21 settembre l’appuntamento è con il Ministro per l’integrazione Cècile Kyenge: sarà l’occasione per parlare di diritti, immigrazione e cittadinanza. Un confronto per cercare di ridurre lo spread di civilità che allontana il nostro Paese dagli standard europei. La speranza di poter radicare in Italia la cultura dell’integrazione, a 50 anni dal celebre discorso di Martin Luther King.

Vi aspetto in Festa!

 

31 agosto 2013

© Marco Lombardo 2016