Hosting Sostenibile: lo spazio ecologico del web

Bologna capofila della Rete italiana di dialogo euromediterraneo (R.I.D.E.)

di Marco Lombardo

Il 31 gennaio la città di Bologna è stata nominata dal Ministero degli Affati Esteri e della Cooperazione Internazionale come capofila della Rete Italiana della Fondazione Anna Lindh, un’istituzione intergovernativa che si occupa del diagolo tra paesi della sponda sud e nord del Mediterraneo e dell’Unione Europea.
É un’occasione di fondamentale importanza per comprendere a pieno che il governo dei flussi migratori riguarda anche le città, quindi anche la città felsinea, e la rete di interconnessione che queste città possono creare per gestire al meglio la questione migratoria. Questo tema, non a caso, è una delle sfide al centro dell’Agenda Urbana Europea.

Questa notizia pone l’attenzione anche su un altro aspetto fondamentale: la necessità di affiancare alle politiche di sicurezza politiche di integrazione, nel particolare l’approfondimento di politiche culturali fondate sul dialogo interreligioso e interculturale. Per realizzare questo obiettivo i vari rappresentanti della Rete Italiana insieme al Ministero degli esteri e della Cooperazione Internazionale hanno sviluppato vari progetti e diverse strategie per rendere subito operativo e concreto il sistema costituitosi.

Può sembrare paradossale che la Città di Bologna diventi capofila del dialogo euromediterraneo quando lei stessa non si affaccia geograficamente sul Mediterraneo, bensì bisogna analizzare il concetto di Mediterraneo in modo più esteso: infatti Bologna vuole diventare protagonista del Mediterraneo in senso culturale ed identitario.

Concretamente significa che da questo giorno il Comune di Bologna e la Città Metropolitana di cui ne fa parte ha uno strumento in più da utilizzare, poichè la città guida una rete che coinvolge gli enti pubblici, gli enti privat, le ONG e le Fondazioni che si occupano di cooperazione e tramite questa Rete si possono portare avanti progetti europei, come quelli riguardanti la sicurezza alimentare, l’empowerment femminile (nel particolare nella zona della Striscia di Gaza), il tema del dialogo interreligioso e della cooperazione economica con le rimesse che le migranti fanno nei loro paesi.
Tutti questi sono temi concreti nei quali ci possono essere possibilità di sviluppo attraverso il reperimento di progetti europei ed un nuovo lavoro di europrogettazione partecipato.

23 marzo 2018

© Marco Lombardo 2016